SHARE

Negli Anni 80 l’intrattenimento di bambini e ragazzini, soprattutto quello dedicato ai maschietti, divenne perlopiù elettronico. Videogiochi di ogni sorta e tipologia invasero il mercato e catturarono l’attenzione delle fasce d’età pre-adolescenziali. Marchi storici come Big Jim andarono in crisi di vendita e vennero progressivamente accantonati e ritirati.

In un contesto storico del genere, fa comunque impressione registrare il successo della serie Masters of the Universe, a tutti gli effetti l’ultimo exploit commerciale del genere action-figure per un pubblico non adulto. Sorprende fino a un certo punto, se si considerano almeno due aspetti che hanno contribuito a rendere questa serie di prodotti molto avvincente e seguita dai ragazzi di tutto il mondo.

  1. L’ambientazione fantasy-eroica, di gran successo in un decennio che ha visto l’affermazione di lungometraggi come Conan il barbaro o La storia fantastica
  2. La declinazione transmediale del prodotto, che portò alla contemporanea diffusione di fumetti, videogiochi, giocattoli e cartoni animati relativi al marchio della Mattel.

SOMMARIO

Trama

A differenza di altri prodotti di action figure che attingevano a scenari d’avventura più generici, il background dei Masters (come quasi tutti li chiamavano) era più evoluto. Localizzate nell’immaginario regno di Eternia, le vicende attingevano ad alcuni cliché fantasy e vedevano la lotta senza esclusione di colpi tra le forze del bene e quelle del male.

Mentre a capo del Male c’era il temuto stregone Skeletor, le forze del Bene avevano la leadership di Sorceress, uno spirito falco dalle fattezze femminili, che proteggeva il castello di Grayskull e che concesse al principe Adam, erede al trono retto dal padre Re Randor, il potere di trasformarsi in He-Man, l’uomo più forte dell’Universo.

Chiaramente con il passare degli anni e con l’uscita di nuove action figure, l’Universo Masters e la trama si svilupperanno, tanto da far nascere due ulteriori fazioni, nemiche sia di He-Man che di Skeletor, ovvero l’orda infernale di Hordak, e gli uomini-serpente di Re Hiss.

Personaggi

He-Man: è il personaggio principale, l’uomo più forte dell’universo, sebbene compaia soltanto nei momenti d’azione decisiva, dopo una trasformazione stile Superman del principe Adam che necessita di una grande sospensione d’incredulità. Come mai nessuno dei suoi amici o nemici lo riconosce (a parte Sorceress, Man-at-Arms e Orco che sanno del “segreto”)? Tralasciamo inoltre l’ingenuo e insensato adattamento italiano, che ora fa soltanto sorridere…

Skeletor: il cattivo per eccellenza, puro Male supremo. Vuole impossessarsi del castello di Grayskull per controllare l’intero pianeta Eternia. Le sue origini sono ignote, nel senso che cambiano spesso a seconda del media e dell’edizione coinvolta (fumetti, cartoni, ecc…). La sua risata è leggenda.

Man-at-Arms: è il “nome d’arte” di Duncan, il factotum del castello, soldato e inventore (diremmo quasi un “geniere”) al servizio di Re Randor. E’ uno dei pochi a conoscere il segreto di Adam/He-Man.

Teela: figlia adottiva di Man-At-Arms, è in realtà figlia di Sorceress, che gliel’ha affidata per poter continuare a svolgere adeguatamente il suo ruolo di spirito protettivo di Grayskull. Maestra d’armi del principe Adam, è una guerriera notevole e probabile erede del ruolo della madre.

Battle-Cat: è una grande tigre verde sellata di rosso, sotto le cui spoglie si nasconde Cringer, animale domestico del principe Adam, che la coinvolge nella sua trasformazione. Battle-Cat è il primo alleato di He-Man…e parla pure!

Beast-Man: uno dei primissimi compari di Skeletor, è fortissimo ma praticamente privo d’intelligenza. Diventa ben presto la spalla comica della gang dei cattivi.

Mer-Man: è una specie di uomo-anfibio alleato di Skeletor, re di tutte le creature marine che popolano l’oceano di Eternia. Per ovvi motivi sott’acqua è particolarmente forte, dato che può anche chiamare e comandare le altre creature.

Giocattoli

masters-of-the-universe

Le action figure dei Masters uscirono a “ondate”, tra il 1982 e il 1988. i primi personaggi ad essere messi in vendita furono i principali, ovvero:

  • “Buoni”: He-Man, Man-At-Arms, Stratos, Teela, Zodac, Battle-Cat
  • “Cattivi”: Skeletor, Beast-man, Mer-man

thunderpunch-he-manI primi modellini avevano arti, testa e anche busto mobili, non le giunture di gambe e braccia. Negli anni sarebbero usciti nuovi modelli che avrebbero colmato questa lacuna, oltre a “edizioni speciali” che permettevano di realizzare azioni particolari: ad esempio, “Thunder Punch He-Man”.

Molto ambiti erano poi gli accessori, tra cui spiccavano la Fortezza di Skeletor e sopratutto il castello di Grayskull. E’ inutile rimarcare come le finanze dei genitori dei bambini anni ’80 erano fortemente dissanguate dal fenomeno Masters.

castello-grayskull-masters

Come molti altri prodotti del genere, i Masters hanno dato vita a forme importanti di collezionismo vintage. Se siete interessati, potete dare un’occhiata su Ebay, qui

Serie Animata

E’ innegabile come i Masters siano stati “spinti” notevolmente dalla serie animata a loro dedicata, realizzata dalla Filmation e andata in onda con grande successo per due stagioni, ciascuna da 65 episodi. Da noi venne trasmesso dapprima su Rete Quattro, poi anche su network privati come Italia 7, Super 3 e Odeon Tv.

Avere un team di produzione televisiva che lavora congiuntamente ai tuoi designer nella realizzazione di trame e personaggi aiutò la “proliferazione” delle action-figure.

Altri Media

Forse non molti sanno che i Masters hanno dato vita a un lungometraggio datato 1987 con protagonista Dolph Lundgren nei panni di He-Man (e anche una giovanissima Courtney Cox).

La serie animata di He-Man diede vide anche a uno spin-off dedicato ad Adora, la sorella gemella di He-Man che, sulla falsariga del fratello, con il potere di Grayskull è in grado di trasformarsi in She-ra.